Check list pulizie Hotel

Check list per pulizie in Hotel: come migliorare la qualità delle pulizie, diminuendo i costi

La qualità delle pulizie di un B&B è sempre stato uno dei fattori fondamentali con cui costruire una buona reputazione della nostra struttura (il 90% dei viaggiatori evita di prenotare hotel descritti come “sporchi” in una recensione), ma questo argomento è diventato di particolare rilevanza nel periodo storico che stiamo vivendo.

Tutte le principali catene internazionali sono al lavoro per introdurre iniziative volte all’incremento delle attività di pulizia nelle loro strutture per scongiurare i timori dei viaggiatori riguardo al Coronavirus.

Anche l‘Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente emesso delle linee guida operative per la gestione dell’epidemia Coronavirus nel settore ricettivo che comprende suggerimenti e consigli che includono varie aree della gestione

Oggi più che mai i nostri clienti non si sognerebbero di pernottare in una camera sporca e poco curata. La loro insoddisfazione determinerebbe la sicura perdita di un cliente ed una conseguente pessima recensione su tutti i portali di vendita.

Con diversi anni di esperienza nell’industria dell ’hospitality, sia in Italia che in USA e UK, posso affermare che raggiungere e mantenere un livello soddisfacente sotto questo profilo non è per nulla semplice ed anzi, rappresenta una delle sfide più grandi per il settore alberghiero ed extra- alberghiero.

Se la vostra intenzione è quella di aprire un Bed & Breakfast oppure avete alcuni problemi con l’efficienza dell’housekeeping (addette alla pulizia) della vostra struttura, questo articolo fa al caso vostro.

Pianificazione è sinonimo di efficienza

Si sa, i numeri fanno sempre la differenza: avere poche camere consente un controllo più attento del lavoro di pulizia svolto. Ma quando i numeri aumentano -così la quantità delle camere, come anche il ricambio di clientela, quindi il tasso di occupazione- incrementa anche la complessità del servizio da svolgere e della sua supervisione.

É quindi veramente importante pianificare una strategia per lo svolgimento delle attività di pulizia, prestando attenzione all’ottimizzazione delle risorse coinvolte, dei costi e dei tempi di lavoro.

I miei consigli per la pulizia del tuo Hotel

Dopo anni di lavoro in questo settore e dopo aver testato diversi approcci, ho potuto formulare questi sei semplici consigli che ti permetteranno di instaurare un sistema di gestione ideale per il servizio di pulizia nel tuo B&B.

  1. Scrivi una “Check List” per la pulizia delle camere: Sembrerà assurdo, ma stilare una semplice lista dei compiti da svolgere per ogni addetto alla pulizia, potrà diminuire enormemente il margine di errore del loro servizio e ottimizzare il tempo di pulizia di una camera. 

    Seguire un procedimento ben articolato, semplifica ed ottimizza gli incarichi da svolgere, consentendo una maggiore cura e pulizia degli spazi. Puoi scaricare gratuitamente da qui la mia “Check List”.
  1. Seleziona e forma il tuo personale: Se “Chi ben comincia è a metà dell’opera”, ricordati che la selezione del tuo personale addetto alle pulizie sarà uno dei passaggi più importanti per garantirti uno staff efficiente e collaborativo.

    Se non sai come valutare i candidati in fase di colloquio, ti consiglio di dare una sbirciata a questa lista di domande da fare ai tuoi potenziali addetti alla pulizia.

    Una volta assunto, è necessario dedicare il periodo iniziale alla formazione del nuovo personale sui processi di pulizie che hai deciso di adottare. Vanno internalizzati non solo i processi per se, ma soprattutto l’importanza e l’impatto che il ruolo di addetto alle pulizie ha sul successo dell’attività. Solo in questo modo potrai garantirti che i canoni di pulizia della tua struttura vengano sempre rispettati alla lettera.

  2. Organizza il lavoro a coppie: le coppie solitamente lavorano meglio del singolo. La divisione dei compiti alleggerisce il carico di lavoro, anche psicologico, e rende più alta l’attenzione al dettaglio rendendo così più efficace il servizio ed efficienti gli addetti alle pulizie e riducendo i tempi di pulizie delle camere.

    Da quando la mia azienda ha cominciato ad adottare l’organizzazione dei turni a coppie, sono riuscito ad incrementare il punteggio medio delle pulizie su Booking.com di 1.2 punti e di ridurre il tempo medio di pulizia per appartamento di oltre il 10%.

  3. Limita il carico di lavoro giornaliero: è risaputo che, ora dopo ora, la soglia d’attenzione di ognuno di noi va diminuendo, ripercuotendosi anche sulla qualità del lavoro che stiamo svolgendo. Il rischio al quale ci esponiamo sovraccaricando i nostri addetti è quello di ottenere una doppia perdita economica.

    Da un lato il maggior numero di ore necessario ad effettuare le pulizie, dall’altro una cattiva recensione dei clienti che si ritrovano costretti a passare le vacanze in appartamenti non perfettamente puliti.

    E’ dunque consigliabile mantenere un orario di pulizia tra le 4-6 ore a giornata per 4-5 giorni a settimana, avvalendosi ovviamente di una turnazione del personale addetto.

  4. Effettua controlli a fine turno: Il buon lavoro dei nostri collaboratori va alimentato da una dose di fiducia da parte nostra. Perché questo avvenga è necessario supervisionare il lavoro, anche con controlli a campione delle camere.

    Non si tratta certo di fare del terrorismo psicologico al nostro staff, ma è piuttosto un modo per assicurarsi che il lavoro venga svolto rispettando gli standard della struttura, segnalando eventuali disattenzioni.

  5. Ascoltare i Feedback di chi lavora sul campo: il nostro staff di pulizia ha ben chiaro come svolgere al meglio il proprio lavoro. Per questo eventuali Feedback per migliorare il servizio e renderlo più efficace vanno presi in considerazione e, laddove possibile, applicati.

Ti senti pronto a Gestire il tuoi addetti alle Pulizie?

Se da un lato la pulizia è uno dei parametri maggiormente osservati dalla clientela dell’albergo, dall’altro l’ottimizzazione delle risorse coinvolte nel reparto housekeeping permette di ridurre le spese di gestione e del personale.

Domani, ancora più che in passato, la pulizia delle camere e delle aree comuni contribuirà notevolmente ad incrementare la soddisfazione dei tuoi ospiti. D’altro canto il successo di questo reparto dipende dal tipo di gestione che si decide di adottare.

Seguendo i miei sei consigli, sarai sulla giusta strada per raggiungere un ottimo standard di pulizia nel tuo B&B. Nulla di difficile, non trovi?

Se ti va lasciami un commento qui sotto e fammi sapere se hai applicato il mio metodo e quali sono stati i risultati. Se invece hai bisogno di altri consigli per migliorare altri aspetti del tuo B&B non esitare a mandarmi un mail all’indirizzo luca@smartpricing.it, valuteremo insieme i passi da fare.

 

Luca Rodella

Luca Rodella

CEO Holiday Nest & Smartpricing

Share this post

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email