REVENUE

5 consigli per aumentare le prenotazioni dal booking engine

Ti chiedi perchè il tuo sito non converte? Leggi 5 consigli per aumentare le prenotazioni dirette dal booking engine

5 consigli per aumentare le prenotazioni dal booking engine - Smartpricing

Il booking engine è lo strumento ideale per ricevere prenotazioni dirette. Integrando un motore di prenotazione è infatti possibile trasformare il sito web in un canale di vendita online. Per diversi motivi, può però succedere che il booking engine non converta quanto si sperava. Non basta impostare una pagina di qualità per vedere aumentare le prenotazioni dirette, anche se quello è un requisito fondamentale.

RoomCloud suggerisce 5 consigli per migliorare le performance del proprio sito e aumentare le prenotazioni dal booking engine.

1 - Fare attenzione alle politiche di cancellazione e alle tariffe presenti sul sito

Accade spesso che gli albergatori impostino sul loro sito tariffe uguali o più alte e politiche di cancellazione più rigide rispetto alle OTA. Ovviamente non c’è niente di più sbagliato. Le grandi OTA godono naturalmente di maggiore fiducia agli occhi dei clienti e a parità di condizioni le preferiscono al sito ufficiale. La prima e più semplice attività per aumentare le prenotazioni dal booking engine è allora quella di applicare condizioni più favorevoli che sui canali. 

Uno strumento utile per invogliare l’utente a prenotare dal booking engine può essere un widget di comparazione dei prezzi. Grazie a questo semplice accorgimento il visitatore può vedere a colpo d’occhio il prezzo sui diversi portali ed essere invogliato ad approfittare dell’offerta.

2 - Curare e aggiornare periodicamente il sito web

È vero che la prenotazione si concretizza sulla pagina di prenotazione, ma anche il resto del sito web ha un ruolo fondamentale. Tutto il sito deve essere impostato in modo da portare l’utente in modo naturale e spontaneo sulla pagina di prenotazione. Questo può essere fatto grazie a pop up con offerte speciali che rimandino al booking engine. Oppure mettendo in evidenza in ogni pagina il bottone Prenota.

Oltre a questo, tutte le informazioni più utili sulla struttura e sulla destinazione devono essere chiaramente visibili e fruibili dal visitatore. Per farlo, può essere utile un servizio di live chat, che dia al viaggiatore la possibilità di ricevere risposte immediate a eventuali domande.

Infine, non si può non ricordare l’importanza di avere un sito mobile-friendly. Sia Expedia che Booking.com affermano che più del 50% delle prenotazioni arrivano da dispositivi mobile. Se non si vogliono regalare commissioni alle OTA è allora essenziale offrire un percorso di acquisto impeccabile anche da mobile.

3 - Essere creativi con le offerte e gli extra

Per incentivare la prenotazione dal sito web, gli albergatori devono offrire degli incentivi in grado di catturare l’attenzione dei futuri ospiti. È possibile creare innumerevoli tipologie di offerte personalizzando i dettagli della promo. Ad esempio, si possono creare pacchetti e coupon in base al numero di occupanti o al periodo del soggiorno, vincolare certi metodi di pagamento o politiche di cancellazione. Sta tutto alla fantasia dell’albergatore.

Un altro strumento per convincere gli ospiti a preferire la prenotazione diretta sono gli extra e gli upgrade. Ad esempio offrire una cena o un ingresso alla spa, la colazione gratuita o il biglietto per una attrazione locale. Anche qui le possibilità sono numerose. L'importante è trasmettere al visitatore l’idea che ai potenziali clienti è riservato un trattamento speciale ed esclusivo. Spesso i viaggiatori preferiscono vivere un soggiorno di maggior valore che spendere meno.

4 - Sfruttare i canali social

Sempre più strutture ricettive hanno capito l’importanza di essere presenti sui social network. Le pagine social sono infatti il canale migliore per comunicare l’immagine del proprio hotel o casa vacanze e per mantenere viva la relazione con gli ospiti. Tuttavia, non tutte le strutture utilizzano le loro pagine per aumentare le prenotazioni dirette. Semplicemente si limitano a pubblicare foto e comunicazioni di servizio (si spera non troppo raramente). 

Al contrario, le pagine Facebook, Instagram, TikTok, ecc. pososno diventare il primo punto di contatto con il futuro ospite. Per farlo arrivare sul sito, si possono mettere in atto diverse azioni. Ad esempio pubblicare offerte dedicate ai follower di un certo social, organizzare una caccia al tesoro “virtuale” e molte altre.

5 - Curare la reputazione online della struttura

Quando un potenziale cliente arriva sul sito web della struttura, è improbabile che prenoti dal booking engine senza controllare almeno qualche recensione. Perchè passi da essere visitatore a ospite bisogna quindi che sia convinto dalle opinioni che leggerà su portali come Tripadvisor, trivago e su Google. Per questo motivo, è essenziale tenere monitorare le recensioni e rispondere a quelle negative su tutti canali online, anche sulle OTA. Solo una buona reputazione online permette ad hotel e case vacanza di “battere” le OTA e ottenere la fiducia dei futuri ospiti. 

Conclusioni

Come si può vedere, le attività che possono essere messe in atto per aumentare il tasso di conversione del booking engine sono numerose. Occorre far lavorare in sinergia i diversi canali online e sfruttare le potenzialità offerte dal sito web. Ovviamente, l’ultimo step sarà offrire al visitatore la migliore esperienza di prenotazione online con un booking engine di qualità.

RoomCloud

Il Channel Manager e Booking Engine per hotel e appartamenti